Evoluzione Rc Auto

rcauto 2021

Per Emanuele Anzaghi, vicepresidente di Segugio.it, in Italia così come nel resto dell’Europa la clientela della Rc auto si sta spostando sul canale web soprattutto per convenienza e comodità.

L’ondata di tecnologia e digitalizzazione che sta travolgendo tutti i settori di servizi e prodotti a livello mondiale già dal 2019, e l'impatto importante dell'emergenza covid non poteva non influire anche nel campo delle assicurazioni auto. Servizi e assistenza al cliente da una parte e miglioramento dell’interazione con il cliente dall’altra sono i fattori principali su cui tutte le compagnie puntano per completare e migliorare il processo di digitalizzazione, ma quello che sta muovendo la clientela Rc auto sono sicuramente i vantaggi economici. Proprio in quest'ottica va letto il sondaggio di Segugio.it  che ci fornisce un importante dato sul grado di soddisfazione degli utenti relativamente all'offerta Rc auto via internet, rilevando un aumento del consenso degli utenti che conferma la costante diminuzione dei reclami verso le compagnie assicuratrici, come rilevato precedentemente anche da Ivass e Ania.

Reclami rcauto in calo e aumento delle quote di mercato delle assicurazioni

Come si evince dai dati dell’Ivass il totale dei reclami nei confronti delle compagnie dirette di assicurazioni è diminuito dal 2016 ad oggi, passando da 18.396 nel 2016 ai 10.889 nel 2019. Il calo dei reclami, poi, si è avuto proprio in un periodo in cui le compagnie dirette hanno accresciuto la propria quota di mercato e base clienti. Dal 2016 al 2019, infatti, si è avuto un aumento della raccolta premi dirette (da 1.529,109 euro del 2016 a 1.804, 887 euro del 2019) ed una lieve diminuzione del totale raccolta ramo RCA (da 14,1 miliardi a 13,8 del 2019). In ogni caso la quota di mercato delle dirette interessate è piano piano cresciuta, esattamente del 10,83% nel 2016, dell’11,33% nel 2017, dell’11,94% nel 2018 e del 13,06% nel 2019 secondo i dati Ania.

Il fenomeno delle truffe online 

Come ogni fenomeno di tendenza, anche la digitalizzazione nell'RcAuto porta con sè un lato oscuro, ovvero l'aumento delle truffe online, che come rilevato dall'Ivass già nel 2018, coinvolge migliaia di veicoli e genera un giro d'affari di non meno di 3 milioni di euro all'anno con un aumento esponenziale rilevato durante il periodo dell’emergenza sanitaria, che ha visto il numero delle denunce salire dell’89.1% nel 2020 (fonte Polizia Postale).

 

Autore: Gianluca Ferraris

Stampa Email

Associazione Nazionale Carrozzieri © 2020 tutti i diritti riservati | Confartigianato Imprese - C.F.80429270582 - Via Di San Giovanni In Laterano 152 00184 ROMA 

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | Info: Privacy - Cookie | Design&Comunicazione:   

 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito web stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di terze parti. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su "Configura Cookie".